Covid-19: il credito d’imposta per il canone di locazione di negozi e botteghe

Il governo è recentemente intervenuto a favore di piccole imprese e botteghe in merito al pagamento del canone locativo nella locazione di immobili destinati ad uso diverso dall’abitazione.

Al fine di contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza sanitaria da COVID-19, il governo, pur non avendo concesso la sospensione del pagamento del canone di locazione, ha previsto il riconoscimento a favore dei soggetti esercenti attività d’impresa, per l’anno 2020, di un credito d’imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020, di immobili rientranti nella categoria di negozi e botteghe (categoria catastale C/1).

A tal proposito è intervenuta l’Agenzia delle Entrate fornendo il seguente chiarimento: il credito d’imposta è riconosciuto solo sui canoni effettivamente pagati. Perciò, un canone di locazione non pagato non produce il credito d’imposta in quanto la norma intende ricompensare il conduttore per il canone versato a fronte della sospensione dell’attività di impresa in questo periodo.

Osservatorio COVID-19 – Giuffrè Francis Lefebvre